40-130. Dante troverà nel cielo della Luna le anime di quelli che, pur non avendo mai peccato, decisero di non adempiere al proposito di prendere i voti offerti da Dio, si tratta degli spiriti difettivi e secondo questa idea procede il viaggio verso gli altri cieli e l’Empireo. Saturno 8. È la prima volta che Dante inizia incontrando delle donne. Dopo i nove cerchi infernali, concentrici e sempre più stretti che scendono verso il centro della terra sede dell’orribile figura di Lucifero, un sentiero stretto e impervio detto “natural burella” porta Dante e Virgilio sulla spiaggia del Purgatorio. È il primo dei tre regni dell'Oltretomba cristiano visitato da Dante nel corso del viaggio, con la guida di Virgilio. È con questo canto, e grazie a Cacciaguida, che Dante espone chiaramente gli intenti dietro la stesura della sua opera. Inoltre, è anche portavoce di una delle profezie che Dante inserisce nella sua opera. Inizia l parte più umana della cantica. Per Dante - Paradiso Il commento del linguista Luca Serianni e tante letture eccellenti. Essi attraversano le nove sfere celesti che circondano la terra. San Bernardo, ricordiamolo, è uno dei santi fondamentali della cristianità, noto soprattutto fra coloro che hanno elaborato le dottrine principali su cui si basa la religione cristiana delle origini e inoltre la sua riflessione teologica ruotava intorno al culto della Vergine Maria: per Dante è logico scegliere San Bernardo come intercessore fra lui e la Vergine. L'Inferno: introduzione generale. Queste due guide simboleggiano due modi diversi di porsi davanti la fede. La fede in questa guida diventa un abbandono totale alla visione della divinità: non c’è più riflessione teologica o filosofica intorno al divino ma solo contemplazione e abbandono. I primi sette cieli del Paradiso dantesco prendono il nome dai pianeti che si trovano al loro interno, rispettivamente abbiamo quindi il cielo della Luna, Mercurio, Venere, Sole, Marte, Giove e Saturno. Risponde dopo alla prima domanda, dicendo che le anime di questo cerchio non hanno combattuto fino alla morte mentre venivano strappate al voto. La varietà di queste influenze genera la diversa luminosità della luna, la meno perfetta e la più bassa delle sfere celesti. Dante descrive il Paradiso come una realtà immateriale che si compone di nove cieli - Luna, Mercurio, Venre, Sole, Marte, Giove, Saturno, la sfera delle stelle fisse e il Primo Mobile - … Comments In Channel. Non spera solo di educare e istruire il pubblico di lettori che, attraverso quest’opera, avranno accesso alle grandi verità escatologiche qui espresse, ma spera anche di ottenere una revoca dall’esilio che, come qui ci spiega a chiare lettere, è un fardello grandissimo per il poeta. Le anime vengono allora a disporsi in sette gruppi disposti secondo la virtù che gli è propria, e cioè: spiriti difettivi, spiriti operanti per la gloria terrena, spiriti amanti, spiriti sapienti, spiriti combattenti per la fede, spiriti giusti e spiriti contemplanti. Partecipò alle crociate in Terrasanta contro i musulmani e per questo Dante lo inserisce, in questa sede, fra gli spiriti combattenti del quinto cielo, quelli che in vita hanno agito sotto l’influsso di Marte. Nel cielo della Luna appaiono le anime incostanti, in particolare quelli che non hanno portato a termine i loro voti. La struttura del Paradiso della Divina commedia di Dante: canto 1, 2, 3 e 6, Letteratura italiana - Dante Alighieri — S. Botticelli, Struttura dell'Inferno dantesco . The comedy of Dante Alighieri of Florence commonly called the Divine comedy a line-for-line translation in the rime-form of the original, by Melville Best Anderson (1929) San Francisco, printed by John Henry Nash , 1929. Share. In tutta la Commedia di Dante, e quindi anche nel Paradiso, troviamo una immensa costellazione di personaggi storici o mitologici, tutti portatori di un valore simbolico utile al poeta per tenere le fila del suo racconto. Cacciaguida è un personaggio che riveste un ruolo importantissimo: non solo fornisce al poeta l’occasione per un confronto fra la Firenze antica e quella moderna corrotta e riprovevole (argomento questo molto caro a Dante che già nel XXVI canto dell’Inferno si era espresso con un’invettiva contro la sua Firenze) ma è anche il personaggio che inciterà il poeta a scrivere appunto la Divina Commedia una volta tornato sulla Terra. Le sue nuove guide saranno Beatrice e, in un secondo momento, San Bernardo. La donna amata diventa una maestra di filosofia e di teologia, una guida spirituale ancora aderente a una riflessione ancora razionale intorno alla divinità. Dante ha compiuto il suo viaggio fino alla vetta del Purgatorio accompagnato da una guida necessaria a comprendere il mondo stravolgente che aveva intorno, Virgilio. Il Paradiso è il terzo dei tre regni dell'Oltretomba cristiano visitato da Dante nel corso del viaggio, con la guida di Beatrice. Stelle Fisse9. In questa zona Dio si trova in un posto preciso, dentro una “Candida Rosa”. Questi cieli sono composti di una sostanza detta etere (qualcosa di simile all’aria) e muovendosi brillano, emettono suoni soavi, e riescono ad influenzare gli avvenimenti che hanno luogo sulla Terra e le persone che la abitano. Dante ne dà una precisa collocazione spaziale come per Inferno e Purgatorio, anche se la sua descrizione è molto lontana da quella di un luogo fisico e si fa più astratta man mano che l'ascesa procede. Dante dichiara l’argomento della cantica, cioè la salita attraverso i cieli fino all’Empireo e alla visione di Dio. 100-130 e Canto VIII, vv. Il paradiso è composto di luce e materia sottile (Dio = assenza di materia). I primi sette cieli prendono il nome dal pianeta he ruota all’interno di Introduzione alla Divina Commedia (1307-21) Poema in terzine (sistemi di tre strofe di tre endeca­sillabi, che rimano secondo il principio della rima in­catenata, ciascuna ripetuta tre volte) composto da 100 canti suddivisi in tre cantiche: 34 canti l'Inferno, 33 cia­scuno il Purgatorio e il Paradiso. Dante immagina il Paradiso come un sistema astronomico costituito da nove cieli, che sono sfere concentriche fatte di materia cristallina e incorruttibile (la quinta essenza o etere) e ruotanti attorno alla Terra. Dante AlighieriLA DIVINA COMMEDIAPARADISO Dopo aver ottenuto la beatitudo huius vitae ed aver compiuto la cerimonia purificatoria, Dante (agens) sale in Paradiso, terza ed ultima parte dell’iter ad Deum: se l’Inferno rappresenta la constatazione e il superamento del peccato e il Purgatorio rappresenta il momento progrediente, il Paradiso diventa dunque il momento unitivo che conduce […] Venere 4. Le parti che compongono il Paradiso non hanno una struttura fisica e concreta perché ogni elemento è prettamente spirituale. Lo aiuta a capire la struttura cieli, la posizione momentanea dei beati, riflette con lui su questioni teologiche e facendo tutto questo porta a compimento il ruolo della donna-angelo stilnovista che aveva la funzione di avvicinare il poeta a Dio attraverso l’amore provato per lei. Mercurio3. Appaiono le anime beate. Struttura, temi, versione in prosa e canti del Paradiso della Divina commedia. Struttura morale dell’Inferno di Sandro Botticelli L’Inferno è ... Il poeta fiorentino inizia questo viaggio, che ha lo scopo di portare alla conversione non solo il Dante-personaggio, ma l’intera umanità, l’8 aprile 1300, di Venerdì Santo (o secondo altri commentatori il 25 marzo), per poi concludersi sette giorni dopo, il 15 aprile (o il primo aprile). Primo Mobile: conferisce movimento agli altri cieli. Non c'è più la concretezza che contraddistingueva le strutture dell'Inferno e del Purgatorio: abbiamo, in questo caso, nove cieli che ruotano intorno alla Terra composti di etere. Nel Paradiso le anime beate non hanno restrizione e sono ammesse a godere di ogni luogo: Dio non fa più distinzioni, le varie sedi sono tutte collegate e accessibili. Riallacciandosi alla cosmologia tolemaica Dante immagina che, oltre una sfera detta “sfera del fuoco”, che divide il mondo terrestre dal Regno del Cielo, intorno alla Terra ruotino nove cieli disposti uno dentro l’altro. All’uomo però è stato concesso il libero arbitrio, con il quale egli può scegliere una direzione diversa da quella che per il suo bene Dio gli ha preparato. Letteratura ARTICOLO L'amore e la donna nella Divina Commedia Con Giulio Ferroni, Jacqueline Risset e Davide Rondoni . San Bernardo, sostituendo improvvisamente Beatrice, si presenta a Dante come un padre amorevole, e intercede per lui con la Vergine attraverso la preghiera che troviamo in apertura del XXXIII canto. Profezie dell'esilio si trovano nell'Inferno (Canto X, Farinata; canto XV, Brunetto Latini; Canto XXIV, Vanni Fucci) e nel Purgatorio (Canto VIII, Corrado Malaspina e Oderisi da Gubbio). Fine dell’uomo è la felicità, cioè ritornare al cielo e a dio. Testo, parafrasi, commento e figure retoriche del canto 1 del Paradiso di Dante. Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso. Introduzione al Paradiso - Maria Adele Garavaglia / Giuseppe Bonghi - La leggenda del Paradiso Quando Dante muore, la notte fra il 13 e il 14 settembre 1321, a Ravenna, il Paradiso è completato, eppure ai figli che si affannano nelle ricerche, la Cantica risulta sospesa: mancano gli ultimi tredici Canti. Sole5. Quindi invoca l’aiuto delle Muse e soprattutto l’ispirazione poetica di Apollo. Description. Le anime siedono nella candida rosa, una sorta di anfiteatro. Oltre i nove cieli entriamo in un regno eterno, sterminato, che abbraccia tutto quanto esiste al di sotto di esso: siamo nella sede di Dio e cioè nell’Empireo. Il Paradiso di Dante Alighieri: analisi e struttura della terza cantica della Commedia, con approfondimenti su temi, lingua e personaggi nel testo. Luna2. Dal XXXI al XXXII canto Dante parla ancora della corruzione della chiesa e del male dovuta ad essa. Introduzione al Paradiso Dante, Divina Commedia, Paradiso. Introduzione al Paradiso La struttura del Paradiso dantesco si uniforma alla concezione cosmologica medievale: si tratta di una cosmologia teologica. Download "Introduzione al Purgatorio" — appunti di dante gratis. Il poeta latino Virgilio accompagna Dante nella discesa dell’Inferno e nella salita del monte del Purgatorio, Beatrice assume il ruolo di guida fino al decimo cielo del Paradiso ma l’anima che accompagna Dante fino alla visione di Dio è San Bernardo. Canto 3 Paradiso. INTRODUZIONE ALLA COMMEDIA DI DANTE Quando intorno al 1306-07 Dante inizia la stesura della Commedia è nella condizione di scon- fitto totale: cacciato da Firenze, privato dei beni, condannato a morte, isolato anche rispetto agli altri esuli della sua fazione. Introduzione al Paradiso, terza cantica del poema Divina Commedia. 3. Il paradiso è diviso in 9 cieli disposti uno dentro l’altro. Oltre questi primi sette cieli troviamo un ottavo cielo, quello delle “Stelle Fisse” dove si trovano le costellazioni visibili dalla Terra, e poi il nono cielo, detto “Primo Mobile” perché è il cielo che, muovendosi per primo, trasmette il suo movimento a tutti gli altri. Paradiso. Dante, Inferno, Canto VIII, vv. Riassunto del Paradiso della Divina commedia di Dante Alighieri, Letteratura italiana - Dante Alighieri — INTRODUZIONE AL PARADISO Nel 1316 Dante inviò un’epistola a Cangrande della Scala, signore di Verona, con la quale gli dedicò la terza cantica della Divina Commedia, il Paradiso, come segno di riconoscenza per l’ospitalità che gli aveva offerto press’a poco per sei anni a partire dal 1312 circa. Il Paradiso è un volo. Dante e Beatrice si guardano negli occhi (o meglio, Dante guarda Beatrice e Beatrice guarda la luce in alto) e iniziano a volare. Dante non sostiene a lungo la vista del sole, e si rivolge a Beatrice; nel fare questo sente avvenire dentro di sé il trasumanar, la crescita cioè delle proprie condizioni e delle proprie percezioni. Canto 4 Paradiso. Le anime non hanno una sede precisa, ma possono godere di ogni luogo: la disposizione è solo un aiuto che Dio dà a Dante per fargli comprendere dove le anime andrebbero ipoteticamente collocate. -La sede vera e propria dei beati è l' Empireo, un cielo non fisico ma spirituale in quanto è al di là dei cieli naturali (materiali); Dal Paradiso piove sui vari cieli una virtù informativa che si lega ai singoli cieli secondo il grado di perfezione. Beatrice chiarifica i due dubbi di Dante:- Come può la buona volontà di mantenere un voto essere invalidata da una violenza subita? Piccarda spiega come sono disposte le anime nel Paradiso. Rappresentano i tre regni ultraterreni in cui giungono rispettivamente le anime di chi in vita è stato contrario a Dio e a ogni suo insegnamento (cioè i dannati dell’Inferno), le anime di chi ha vissuto secondo le leggi del Signore ma ha commesso peccati che devono essere espiati prima di poter accedere al Paradiso, e infine il Paradiso stesso dove hanno accesso diretto solo le anime pure, beate e che hanno sempre vissuto in modo retto. il terzo dei tre regni dell'Oltretomba cristiano visitato da Dante nel corso del viaggio, con la guida di Beatrice: Dante ne d una precisa collocazione spaziale come per Inferno e Purgatorio, anche se la sua descrizione molto lontana da quella di un luogo fisico e si fa pi astratta man mano che l'ascesa procede. Marte6. Dante usa luce e musica come elementi per descrivere il Paradiso, essendo impossibile descriverlo fisicamente.9 Cieli + Empireo = 10 : numero magico!Nel Paradiso le anime vanno incontro a Dante, e si presentano nel cielo che meglio le ha caratterizzate. Introduzione. Giove 7. 1-6. Quello dell'esilio è un tema molto caro a Dante, al punto che il poeta ne parla in diversi luoghi della Commedia. È composto da 9 cieli concentrici:1. Canto 33 Paradiso: analisi del testo, struttura e figure retoriche dell'ultimo canto del Paradiso della Divina Commedia di Dante Alighieri, Letteratura italiana - Dante Alighieri — Paradiso: -dedicato al suo mecenate, Cangrande della Scala. LILU1 – PROF. FERRETTI Dante Alighieri: la Commedia (introduzione) Struttura La Commedia è un poema diviso in 3 parti dette ‘cantiche’, per un totale di 100 canti e di oltre 14.000 versi: Inferno, che comprende 1 canto proemiale + 33 canti; Purgatorio, che comprende 33 canti; Paradiso, che comprende 33 canti. Introduzione, struttura e riassunto dei canti del Paradiso della Divina commedia (5 pagine formato doc). Dante, Inferno, Canto VII, vv. Una nuova sfida poetica. Nel Paradiso le anime vanno incontro a Dante, e si presentano nel cielo che meglio le ha caratterizzate. II Canto. Discover Dante Alighieri Introduzione al Paradiso e inizio della lettura del primo canto, vv. Il poema descrive la storia di un viaggio che Dante compie a 35 anni attraverso i 3 regni dell¶aldilà (secondo la concezione medievale), accompagnato da 3 guide: VIRGILIO (Inferno e Purgatorio) BEATRICE (che Dante incontra nel Paradiso terrestre nel canto XXXX del Purgatorio e che diventa la guida del poeta per gran parte del Paradiso) 1-6. 1-39. I Canto. - Dopo la morte, le anime tornano alle stelle (come aveva affermato Platone)?Beatrice risponde prima alla seconda domanda, smentendo la teoria platonica spiegata nel “Timeo”. Dante lo descrive come un'immensa voragine a forma di cono rovesciato, che si spalanca nell viscere della terra sotto la città di Gerusalemme, nell'emisfero settentrionale della Terra. 2020-03-31 36:40. La Commedia è il racconto, in chiave didascalico-allegorica di un viaggio ultraterreno. Il poeta immagina la Terra sferica e immobile al centro dell'Universo, circondata da dieci Cieli che costituiscono appunto il Paradiso … Analisi del testo e figure retoriche del canto 17 del Paradiso della Divina commedia di Dante Alighieri, Letteratura italiana — Tra gli incontri principali di Dante ricordiamo quello con Piccarda Donati e Costanza d’Altavilla nel Canto III, l’incontro politico con l’imperatore Giustiniano nel Canto VI, con San Tommaso d’Aquino e San Bonaventura, con l’antenato Cacciaguida e con San Bernardo di Chiaravalle. Dante aveva allora trentacinque anni ed era allora nel punto centrale della propria vita visto che la vita media di allora era settanta anni. Letteratura ARTICOLO Il tema del viaggio nella Divina Commedia Con Franco Cardini, Moni Ovadia e Davide Rondoni. Questo regno è una gigantesca montagna che arriva fino al cielo e che si trova nell’emisfero sud, in una zona diametralmente opposta a Gerusalemme. L’Aldilà per Dante si divide in Inferno, Purgatorio e Paradiso, e sono queste le cantiche di cui si compone il Poema. I più letti: Back to school: come si torna in classe| Mappe concettuali |Tema sul coronavirus| Temi svolti, Letteratura italiana - Dante Alighieri — Il viaggio in Paradiso vede Dante accompagnato da due diverse guide: Beatrice, che guida il poeta fino al momento prima di vedere Dio, quando interverrà San Bernardo di Chiaravalle. In-fol., 165 p. introduzione a tutta l’opera) o 33 canti (Purgatorio e Paradiso). Dante immagina la terra circondata da nove cieli, uno dentro l’altro: i primi sette prendono il nome dai pianeti del sistema solare, gli altri due sono le stelle fisse e il primo mobile. Dante entra nel corpo della Luna e chiede a Beatrice spiegazioni rispetto alla natura delle macchie lunari. Nell’Inferno e nel Purgatorio ogni dannato e ogni anima avevano una sede precisa in cui restavano puniti in eterno o in cui si fermavano per espiare un particolare peccato commesso. Introduzione al Paradiso e inizio della lettura del primo canto, vv. Infatti, dal punto di vista teologico, tutte le anime risiedono nell’Empireo, un un luogo che Dante paragona ad un anfiteatro chiamato “candida Rosa”, dove godono della contemplazione infinita di Dio; tuttavia, nel corso del suo viaggio, Dante immagina il regno paradisiaco diviso in nove cerchi concentrici, corrispondenti a sette pianeti del sistema solare (nell’ordine: Luna, Mercurio, Venere, Sole, Marte, … Dante ha compiuto il suo viaggio fino alla vetta del Purgatorio accompagnato da una guida necessaria a comprendere il mondo stravolgente che aveva intorno, Virgilio. Ed è a partire da questi nove cieli che ha inizio il Paradiso. Introduzione con l'invocazione ad Apollo e trama del Canto… Continua, Canto I Inferno: il canto in cui Dante spiega il perché del suo viaggio nei tre regni ultraterreni dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso… Continua, Testo, parafrasi, commento e figure retoriche al canto XXXIII del Paradiso, il canto in cui Dante, assistito da san Bernardo, vede Dio.… Continua, Breve riassunto dei canti del Paradiso di Dante Alighieri… Continua, Testo, parafrasi, figure retoriche e analisi del canto XXI del Purgatorio, dove sono punite le anime degli avari e dei prodighi. INTRODUZIONE al PARADISO di Dante Alighieri La leggenda del Paradiso €€€€€€€Quando Dante muore, la notte fra il 13 e il 14 settembre 1321, a Ravenna, il Paradiso è completato, eppure ai figli che si affannano nelle ricerche, la Cantica risulta sospesa: mancano gli ultimi tredici Canti. Per poter mantenere una coerenza interna nella sua narrazione e riuscire a spiegare, anche filosoficamente il significato del Paradiso, Dante inventa un espediente: Dio vuole aiutarlo a capire e per farlo fa in modo che, solo durante la permanenza del poeta in Paradiso, ogni anima beata si posizioni dove “dovrebbe” trovarsi se ci fossero dei posti fissi per loro. Il Regno del Paradiso, descritto da Dante nella sua Commedia, non è più connesso alla Terra: tutto è eterno ed etereo. La Luna con il suo influsso rende gli uomini incostanti e non permette che adempiano ai propositi prefissati. Il Paradiso è un volo. Immaginiamola come una sorta di “anfiteatro” dove, sulle tribune, sono disposti i beati, i santi, e tutte le schiere angeliche (angeli, arcangeli, cherubini e serafini). Dante vuole espressamente che al suo viaggio, un’esperienza reale e concreta (come per es. Nella terza cantica Dante, accompagnato da Beatrice, la sua nuova guida, giunge in Paradiso a contemplare Dio e può cogliere la luminosa beatitudine di chi vive nella gloria dei cieli. Siamo nel Paradiso terrestre in cima alla montagna del Purgatorio, è il mezzogiorno del mercoledì dopo Pasqua, 13 aprile 1300. Paradiso della Divina commedia: riassunto breve DIVINA COMMEDIA PARADISO CANTO 1. Il Paradiso è l'ultima cantica dell Commedia dantesca, e il punto d'arrivo del viaggio del poeta fiorentino. La Divina Commedia tra Inferno, Purgatorio e Paradiso: riassunti e guida al testo…, Struttura del Paradiso di Dante: canto 1, 2, 3 e 6, Canto 33 Paradiso: analisi del testo e spiegazione, Divina Commedia, Paradiso: riassunto canti, Canto 17 Paradiso: figure retoriche e analisi del testo, Divina Commedia: riassunti e guida al poema di Dante Alighieri, Paradiso della Divina commedia: riassunto, Paradiso della Divina commedia: riassunto breve. Protagonista del canto è Stazio, poeta latino… Continua, Canto I del Paradiso di Dante: testo, parafrasi, commento e figure retoriche, Canto I Inferno di Dante: testo, spiegazione, analisi, parafrasi e figure retoriche, Canto XXXIII del Paradiso: testo, parafrasi, commento e figure retoriche, Canto XXI Purgatorio di Dante: testo, parafrasi e figure retoriche, Inferno di Dante Alighieri: gironi e struttura, La Scuola siciliana: Giacomo da Lentini e il sonetto, La Commedia di Dante Alighieri e il Paradiso, Struttura, lingua e metrica del Paradiso di Dante, Tematiche dell'ultima cantica della Commedia dantesca, Cielo della Luna (spiriti difettivi, incostanti), Cielo di Mercurio (spiriti operanti per la gloria terrena), Cielo del Sole (spiriti sapienti, anime dei Padri della Chiesa). INTRODUZIONE PARADISO. Virgilio, in quanto anima del limbo, non potrà accompagnare Dante nel Paradiso. Nel XXXIII canto invece Beatrice profetizza la missione di Dante.Struttura Paradiso. Sono figure femminili. Dante descrive il paesaggio che gli appare all’uscita dalle viscere della terra, sulla spiaggia che sta davanti alla montagna del Purgatorio: nel sereno aspetto dell’aria si diffonde, sino al giro dell’orizzonte, un dolce colore azzurro; e questo paesaggio Analisi e spiegazione delle figure retoriche del canto 3 del Paradiso della Divina commedia di Dante Alighieri, Letteratura italiana - Dante Alighieri — Il Paradiso, che non può essere compreso attraverso la ragione ma attraverso la fede, richiede la presenza di guide diverse, Virgilio, inoltre, essendo un’anima condannata a restare in eterno nel limbo, non può accedere al regno dei Cieli. Vi sono le gerarchie angeliche più elevate.L’Empireo è la sede di Dio, degli angeli e delle anime sante. In linea con il continuo crescendo della Comemdia, nel Paradiso il registro si fa più alto e il linguaggio più aulico. Infine Beatrice spiega che il mondo è stato creato secondo un ordine armonico dalla Provvidenza divina, e ogni creatura ha un suo fine stabilito. INTRODUZIONE AL PARADISO Nel 1316 Dante inviò un’epistola a Cangrande della Scala, signore di Verona, con la quale gli dedicò la terza cantica della Divina Commedia, il Paradiso, come segno di riconoscenza per l’ospitalità che gli aveva offerto press’a poco per sei anni a partire dal 1312 circa. Dopo il Purgatorio Dante troverà nel Paradiso un sostegno morale e una guida in Beatrice e San Bernardo (vedremo meglio fra poco il ruolo di queste altre due guide).Virgilio aveva guidato Dante attraverso l’Inferno, cui si accede attraverso una porta che si trova a Gerusalemme. Cacciaguida è un avo di Dante, vissuto probabilmente alla fine de secolo XI° a Firenze e proveniente da una famiglia dell’alta nobiltà fiorentina. Dante e Beatrice si guardano negli occhi (o meglio, Dante guarda Beatrice e Beatrice guarda la luce in alto) e iniziano a volare. La successione dei cieli del Paradiso e le rispettive anime che li popolano sono, riassumendo: E se le fantasie nostre son basse / a tanta altezza, non è maraviglia; / ché sopra 'l sol non fu occhio ch'andasse. Virgilio aveva accompagnato Dante fino alle soglie del Giardino dell’Eden, fino alla fine, cioè, dei regni che potevano essere conosciuti e compresi grazie alla sola forza della ragione. Giungendo in Paradiso, nella Divina Commedia ci si discosta nettamente da tutto ciò che è terreno: le zone visitate sono composte da luce e aria e l’unico legame che si ha con la Terra è l’influenza che esercitano i cieli sul mondo sottostante. Piccarda Donati sorella di Forese Donati, amico di Dante, e Corso Donati, capo dei guelfi neri. Update: 2019-01-29. Essi attraversano le nove sfere celesti che circondano la terra. I tempi del viaggio di Dante. Le macchie sono conseguenza della struttura dei cieli. INTRODUZIONE A “LA DIVINA COMMEDIA” DI DANTE ALIGHIERI a cura di Maria Adele Garavaglia Dopo secoli di indagini, studi critici, dibattiti e ricerche, il maggior poeta italiano rimane ancora, per molti aspetti, un enigma. Anche per il Purgatorio abbiamo nove zone diverse da oltrepassare: Inferno e Purgatorio avevano in comune la vicinanza, e uno stretto rapporto, con la Terra.